Consiglio pastorale

Consiglio pastorale (30)

Il Consiglio Pastorale Parrocchiale è un organismo di comunione che, come immagine della Chiesa, esprime e realizza la corresponsabilità dei fedeli (presbiteri, diaconi, consacrati e laici) alla missione della Chiesa a livello di comunità cristiana parrocchiale. E' un luogo dove i fedeli, soprattutto i laici, possono esercitare il diritto-dovere loro proprio, di esprimere il proprio pensiero ai pastori e comunicarlo anche agli altri fedeli, circa il bene della comunità cristiana parrocchiale.

Il consiglio parrocchiale ha un duplice fondamentale significato: da una parte rappresenta l'immagine della fraternità e della comunione dell'intera comunità parrocchiale di cui è espresssione in tutte le sue componenti, dall'altra costituisce lo strumento della decisione comune pastorale, dove il ministero della presidenza, proprio del parroco, e la corresponsabilità di tutti i fedeli devono trovare la loro sintesi. Il consiglio pastorale è quindi realmente soggetto unitario delle deliberazioni per la vita della parrocchia. Il parroco, che presiede il consiglio e ne è parte, deve promuovere una sintesi armonica tra le differenti posizioni, esercitando la sua funzione e responsabilità ministeriale.

Un buon funzionamento esige una coscienza ecclesiale da parte dei membri uno stile di comunicazione fraterna e la comune convergenza sul progetto pastorale. Va garantita la continuità ma anche il ricambio dei membri. 

Il consiglio pastorale si deve preoccupare di coinvolgere, ascoltare e informare tutta la comunità cristiana a proposito delle princiapli questioni pastorali inerenti la vita della parrocchia.

Il Consiglio Pastorale Parrocchiale è dotato di un proprio statuto che ne definisce scopi, composizione, compiti, e modalità di funzionamento.

(Versione in attesa di approvazione)

VERBALE DEL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE DEL 23 GIUGNO 2021

Assenti: Dario Belotti, Grazia Bianchi, Luigi Damiano, Chiara Favero, Sergio Frigerio, Chiara Belpietro, Marica Magatti, Bruna Marinoni, Francesca Perna, Massimo Stanzione, Colomba Zaccone, Gabriella Zoccola.

Il CPP apre alle 21.15. Dopo un momento di preghiera e la lettura e l’approvazione del verbale del CPP del 29 aprile u.s.  Marco Guggiari relaziona i presenti sull’ultimo incontro del Vicariato tenutosi il 25 maggio 2021. Questo è stato un incontro in presenza e, in parte, a distanza e si è parlato di due argomenti.

a) Pastorale giovanile

b) Celebrazioni pre-festive e domenicali

PASTORALE GIOVANILE

Marco Guggiari riferisce che Il vicario foraneo, don Gianluigi Bollini, a conclusione della sua visita vicariale, ha sottolineato l’esigenza di occuparsi in maniera più significativa della pastorale giovanile. È emersa l ‘esigenza di costituire un’équipe di pastorale giovanile, espressione dei tre vicariati: Vicariato di Como, Vicariato di Monte Olimpino e Vicariato di Rebbio. Tale équipe dovrebbe coordinare le attività per i giovani dai 18 anni. Il CPV invita a far conoscere questa iniziativa a tutti i CPP perché sia conosciuta e più condivisa. L’obiettivo dichiarato è mettere in rete le iniziative della pastorale giovanile cittadina e questo è anche il senso della ricerca di una figura laica come responsabile dell’équipe. Si sta valutando di istituire questo ruolo a una figura retribuita, per il tempo necessario. Le caratteristiche abbozzate per questa figura dovrebbero corrispondere a una persona non troppo in là negli anni e per questo tendenzialmente più vicina alla sensibilità dei giovani. Tra le urgenze riconosciute per questa attività c’ è l’aspetto relativo alla formazione socio-politica. Tra le indicazioni di metodo, la capacità di andare nelle realtà dove si trovano i giovani e porsi in loro ascolto.

FREQUENZA ALLE CELEBRAZIONI

È L’altro aspetto affrontato dal CPV dopo l’esito dei questionari distribuiti nelle parrocchie e anche nella nostra. I risultati dei questionari hanno evidenziato il numero risibile dei giovani presenti alle celebrazioni. Gli stessi risultati, più in generale, sono stati valutati eccessivamente ottimistici e non si esclude una verifica in tal senso. Prossimamente, anche noi, come tutti i CPP siamo invitati a tornare sul tema giovani proprio in vista di questa iniziativa dell’équipe. Marco Guggiari sottolinea un’osservazione critica di don Antonio Fraquelli (Parrocchia di San Bartolomeo Como), come sempre molto lucido e sincero, al riguardo del tema giovanile: “Quanti giovani sono presenti nel Consiglio Vicariale?”, si è chiesto alludendo alla presenza di una sola giovane e, indirettamente, a questa contraddizione e alla grande crisi che viviamo al di là delle buone intenzioni.

In proposito Padre Dino interviene per assicurare che nel mese di settembre anche il CPP di San Giuseppe riprenderà la questione dei giovani, definita comunque “un cantiere aperto”, come emerge anche dagli incontri con gli altri sacerdoti. Sullo stesso argomento, fra’ Lorenzo sottolinea che il tema dovrà essere approfondito e valutato alla luce delle forze già presenti in ogni parrocchia.

AGGIORNAMENTO SULLE PROCEDURE PER I LAVORI IN ORATORIO

Padre Dino riferisce di aver informato e consultato i superiori dei frati cappuccini di Milano e, a seguire, anche quelli della Curia diocesana. I due lavori più rilevanti riguardano serramenti e facciata, potenzialmente fruitori di bonus fiscali al contrario dell’area esterna riservata ai giochi.

Quanto alla questione dell’IMU, padre Dino aggiorna il CPP che da quest’anno la Diocesi, anche in assenza di un pagamento effettivo, ha previsto che debbano essere dichiarate le proprietà di chiesa e casa parrocchiale. Riferisce inoltre che un artigiano è stato incaricato di preparare il preventivo di spesa per i lavori relativi a serramenti e finestre. Aggiunge che la procedura è complessa esprimendo l’auspicio che i lavori possano iniziare in tempo utile. Quest’anno si inizierà con la facciata. Il consigliere Claudio Liuzzi conferma che le procedure sono complesse e gravate da un sovraccarico di richieste, sottolineando che occorre affidarsi a Imprese serie.

RIPRESA DELLE ATTIVITA’ DELL’ORATORIO: Grest, attività estive per i ragazzi, vacanze a Fraciscio, Grest, Cittadella.

Fra’ Lorenzo relaziona, spiegando che la Parrocchia di San Giuseppe è già alla seconda settimana del Grest. Aggiunge di aver preso in carico tutti i ragazzi che fosse possibile accettare. Esprime anche soddisfazione circa il fatto che la strutturazione in tre parti del Grest è molto gestibile, più semplice rispetto a due anni fa e che gli stessi genitori ne sono lieti.

Dopo il nostro Grest, partirà quello della Cittadella, che forse utilizzerà solo il campo da calcio e il portico per il pranzo con quaranta ragazzini.

Circa la vacanza a Fraciscio, fra’ Lorenzo spiega che questa comporta un massimo di 25 posti disponibili. La casa utilizzata è di ampie dimensioni. Si tratta di un immobile di proprietà delle suore, più gestibile, più familiare, più interattivo per chi partecipa alle iniziative. La posizione è bella, la struttura dispone di spazi interni, utili allo svolgimento di attività anche in caso di maltempo. ln paese, inoltre, c’è la disponibilità di uno spazio sportivo, in aggiunta al contesto ambientale favorevole alle passeggiate.

Fra’ Lorenzo conclude sottolineando che quest’anno si registra un boom di richieste da parte di bambini di quinta elementare. Aggiunge che è stata presa la decisione di sottoporsi al tampone molecolare il giorno prima della partenza, in vista di una partenza in piena sicurezza.

PREPARAZIONE DELLA FESTA POSTICIPATA DI SAN GIUSEPPE E RIAPERTURA DELL’ORATORIO IL 19 SETTEMBRE 2021

Padre Dino afferma di essere reduce dalla riunione tenuta la sera prima, il 22 giugno, con le persone coinvolte nella preparazione di questa festa. Si è valutata l’opportunità di procedere o meno con l’installazione di alcuni banchetti, o in alternativa di rinviarli alla primavera del 2022. In proposito, è stata approvata la presenza piante grasse, libri, bigiotteria. Si terrà anche un torneo di calcio da parte della Polisportiva. I ragazzi, guidati da fra’ Lorenzo, si dedicheranno ad alcuni giochi nel parco. Saranno presenti giochi gonfiabili per i bambini. Lo spettacolo dei burattini è stato rinviato. Si farà lo spettacolo delle automobiline. Per quanto riguarda i pranzi, l’organizzazione è stata affidata al sig. Angelo Tettamanti, invece la vendita e la fruizione di salamelle e bibite saranno spostate in prossimità del campo di calcio per maggiore comodità.

Fra’ Dino auspica che le regole disposte dal Governo per il mese di settembre permettano di procedere a questa festa e all’apertura dell’oratorio. La comunità dei frati vorrebbe riservare una giornata, martedì 14 settembre (Festa dell’esaltazione della Santa Croce), rivolta a tutti, in preparazione della festa posticipata di San Giuseppe. Fra’ Giansandro assicurerebbe la preparazione nel pomeriggio ai ragazzi; alle ore 18 con  la Santa Messa; alla sera con una catechesi sulla vita comunitaria/vita fraterna per gli adulti, aperta a tutti.

PROPOSTA A CONCLUSIONE DELL’ANNO DI SAN GIUSEPPE IL 15 OTTOBRE: “PATRIS CORDE”, MONOLOGO IN CHIESA DELL’ARTISTA MATTEO LOCATELLI

Venerdì 15 ottobre l’artista Matteo Locatelli, cresciuto con i Guanelliani, proporrebbe un monologo in chiesa, con un testo in forma di catechesi (costo prevista, circa 650 euro). Padre Dino esprime l’opinione che si tratta di un lavoro originale e innovativo e invita tutti i membri del CPP a valutarlo guardando su Youtube.

Padre Dino aggiunge che sarà prodotto e distribuito ai parrocchiani un opuscolo non commerciabile contenente i resoconti dei tre incontri di catechesi dedicati alla figura di San Giuseppe, inclusi l’intervento del Vescovo mons. Oscar Cantoni e di don Ivan Salvadori. Il costo relativo è di circa mille euro per quattrocento copie.

SITUAZIONE DELL’EREDITA’ PARODI

Il Parroco dà conto di una nuova eredità ricevuta dalla Parrocchia. Riferisce di essere andato a Fraciscio per visionare gli immobili ricevuti con questo atto di liberalità.

Si tratta complessivamente di due conti correnti di entità abbastanza sostanziosa e di tre immobili, box con legnaia, un appartamento bello, nuovo e arredato.

La Curia diocesana ha predisposto il decreto per procedere al beneficio d’inventario e alle successive pratiche per rilevare i beni. La stessa Curia suggerisce inoltre alla Parrocchia di utilizzare la modalità della licitazione privata per l’eventuale alienazione dei beni a terzi. Alla fine del beneficio d’inventario preparato dal notaio saranno predisposti documenti per la vendita di tre lotti separati. Un’ulteriore eredità, in ragione del trenta per cento rispetto alla quota maggiore riservata invece alla Parrocchia di San Bartolomeo, è stata attribuita alla nostra Parrocchia dalla terziaria francescana Silvana Benedelli.

AGGIORNAMENTO SUL CAMPO SPORTIVO, SULLA POLISPORTIVA SAN GIUSEPPE E SUL CIRCOLO ORATORIO SAN GIUSEPPE

Padre Dino riferisce che per la gestione del campo sportivo si è a buon punto. La Fondazione Cariplo dovrà corrispondere ancora diecimila euro. Sarà predisposta una breve relazione sul modo in cui è stata utilizzata la struttura.

Rispetto all’acquisto da parte della parrocchia, il Dott. Renato Olivieri dell’ente Provincia istituirà le pratiche per inglobare la parte di proprietà dell’ex ASL. Poi alla Parrocchia converrà acquistare l’intero lotto. Per quanto riguarda la Polisportiva, è allo studio un progetto di collaborazione con la Polisportiva di Sant’Agata, ancora in divenire. Fra’ Lorenzo sottolinea che il progetto educativo è fatto bene. È previsto inoltre un rapporto di collaborazione e di buon vicinato con la Cittadella per l’utilizzo del campo.

CIRCOLO ORATORIO SAN GIUSEPPE

Il parroco riferisce l’entità dei contributi ricevuti grazie alla destinazione del cosiddetto 5 per mille da parte di parrocchiani e cittadini. Nel 2020 sono stati destinati 980 euro; quest’anno 7.800 euro. Il vincolo che riguarda queste risorse è la loro destinazione al finanziamento di progetti utili per il bar dell’oratorio. Padre Dino, in proposito, spiega che entro il 2021 si vorrebbe sistemare il cancello del bar dell’oratorio. Entro il 2022, invece, dovranno essere spesi i 7.800 euro. Il consiglio del Circolo bar San Giuseppe al riguardo propone di sostituire le grondaie laterali dello stabile del Circolo stesso, oppure effettuare lavori sulla cucina per metterla a norma. È stata inoltre avanzata un’ipotesi per installare tendaggi e chiudere in tal modo tutti gli androni antistanti i locali del bar.

VARIE ED EVENTUALI

Il consigliere Matteo Roncoroni chiede che per l’anno prossimo si pensi a iniziative formative dedicate ai membri del CPP per evitare di vivere il CPP solo come scambio di informazioni. L’obiettivo è migliorare l’aspetto progettuale per il bene e nell’interesse della Parrocchia. Si auspica anche l’intervento di qualcuno del Vicariato.

Il Consiglio si chiude alle ore 23.

 

VERBALE DEL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE DEL 29.04.2021 (Versione approvata nel CP del 23.06.2021)

 

Assenti: Fra Damiano Ferrario, Frigerio Sergio, Magatti Marica, Marinoni Bruna, Zaccone Colomba, Chiara Belpietro 

Il CPP apre alle ore 20.30 e viene svolto in presenza in oratorio. 

Dopo un breve momento di preghiera insieme viene data lettura del verbale del precedente consiglio pastorale tenutosi il 02.02.2021 che viene approvato all’unanimità.

Si procede poi con il primo punto all’ordine del giorno:

- Valutazione nelle iniziative quaresimali (catechesi, via crucis, benedizioni pasquali)

Padre Dino ha fatto presente che gli incontri quaresimali organizzati con il Prof. Mauro Magatti, Don Pietro Bianchi e Don Saverio Xeres hanno avuto un buon riscontro. Su You-Tube gli interventi sono stati visualizzati da circa mille persone. Sarebbe interessante realizzare un piccolo libretto, non commercializzabile, contente questi interventi da dare ai parrocchiani in occasione della festa patronale a settembre.

Il prossimo anno comunque se possibile si ricontatterà anche Don Cairoli per riproporre le sue catechesi quaresimali

Francesca Perna ha ricordato che gli interventi sono andati in onda anche attraverso il canale del Settimanale della Diocesi e questo ha consentito un’ulteriore diffusione degli eventi proposti. 

Anche le Via Crucis hanno avuto un buon numero di presenze.

Per quanto riguarda le benedizioni alle famiglie sono state realizzate 2200 buste contenenti la benedizione del capofamiglia. Non sono state consegnate circa 100 buste. Sono state riportate i in parrocchia 230 buste di offerte per un totale raccolto di euro 5.500.

Padre Dino ha poi relazionato sulla la situazione dei lavori effettuati nell’ultimo periodo

- Lavori oratorio: sono stati raccolti 2 capitolati per la manutenzione della facciata dell’oratorio e 1 per la riqualificazione dell’area esterna del parco giochi. Per le finestre si sta interessando un conoscente di Dario Belotti. I preventivi dovranno essere presentati alla Curia Provinciale dei Frati Minori Cappuccini di Milano; in seguito visionati e discussi con il Consiglio degli affari economici e in seguito alla Cura Diocesana e alla Sovrintendenza delle Belle Arti. Per quest’ultimo passaggio ci vorranno più di 4 mesi e quindi il tutto andrà sicuramente a dopo l’estate.

- Sono stati fatti 3 preventivi per eseguire un piccolo ascensore o un montascale per i disabili in oratorio. Ci sono tre preventivi diversi in base a tre soluzioni che vanno dai 7500 euro ai 18.000 euro; anche questi verranno valutati anche in base alla fattibilità

- Sono state abbattute le thuye a fianco della chiesa e dalla scorsa domenica sono già stati piantati aceri e lavande e potati anche gli ulivi sul retro. Verranno anche piantati dei cartelli indicanti “Zona sacra” e “Divieto di accesso ai cani”. Per la thuya dell’oratorio invece non è stato dato il permesso all’abbattimento e dunque è stata solo potata. 

In questa sede Padre Dino comunica anche al Consiglio Pastorale che è arrivata un’altra eredità che dovrebbe essere svincolata da maggio in poi. 

Per quanto invece concerne Cresime, Prime confessioni e Comunioni le date prescelte per le celebrazioni sono le seguenti:

- Per le prime Confessioni il pomeriggio del16 maggio 2021 

- Per Comunioni e Cresime il pomeriggio del 23 maggio 2021 con unica celebrazione presieduta da Don Giuseppe Romanò, padre spirituale del seminario vescovile.

Padre Dino comunica inoltre l’intenzione da parte della fraternità di mantenere gli attuali orari di apertura pomeridiana della Chiesa (dalle 17.00 a termine celebrazione delle 18.00) per evitare che la Chiesa resti troppo a lungo aperta senza controllo e per evitare episodi di furto già in passato verificatisi. Ricorda che la possibilità di confessarsi è comunque garantita dalle 17 in poi. 

Per quanto riguarda invece la Caritas, Padre Dino fa presente che la raccolta di alimenti effettuata in Quaresima è andata molto bene ed è stato un prezioso aiuto. La nostra parrocchia inoltre è stata quella che ha presentato più domande per l’ottenimento del fondo diocesano di sostegno al lavoro. Abbiamo presentato 43 domande e solo 5 non sono state accettate. Alcune famiglie hanno ricevuto l’importo anche due volte per un totale di 35.400 euro stanziati. Continua ad essere anche proficuo il rapporto con il Centro d’ascolto della Caritas. Prosegue la raccolta in denaro che verrà fatta sempre la prima domenica del mese, mentre Paola Corti ricorda per il solo mese di agosto si sospenderà la consegna degli alimenti alle famiglie.

Chiara Favero passa poi a relazionare quanto fatto per il progetto accoglienza proposto da Caritas. La micro-commissione composta da Padre Dino, Marco Guggiari, Alberto Mortera, Serenella e Chiara Favero ha svolto tre incontri: il primo con un signore di San Bartolomeo che ha raccontato l’esperienza di accoglienza vissuta all’interno della loro parrocchia, un’esperienza molto complessa e articolato che ha coinvolto più famiglie aiutate da circa 30 volontari. Il secondo incontro della commissione invece è avvenuto con Beppe Menafra di Porta Aperta che ha raccontato quanto vorrebbero mettere in atto con le parrocchie. Si tratterebbe di accogliere una o due persone e di ospitarle durante la notte nel periodo di emergenza freddo. Alcune parrocchie della città già quest’anno si sono mobilitate in tal senso. Beppe si farebbe garante di individuare la persona da mandare e da seguire. In un incontro successivo abbiamo discusso tra di noi alcune ipotesi di alloggio:

- L’oratorio che è stato scartato per problemi logistici e di sicurezza

- Sono stati interessati alcuni parrocchiani con bed&breakfast che però non hanno dato disponibilità

- Un alloggio in affitto (si valutava l’affittacamere di fronte all’oratorio come ipotesi)

Stiamo attendendo alcune risposte e si terranno anche alcuni incontri a livello diocesano per approfondire il progetto.

Francesca Perna interviene facendo notare che sarebbe bello riuscire a strutturare un progetto più ampio che tenesse conto anche della possibilità di coinvolgere la persona affidata alla parrocchia in attività lavorative. Claudio Liuzzi fa presente anche che con i lavori dell’Ecobonus ci sarà maggiore bisogni di manodopera e potrebbe essere anche più facile trovare a qualcuno un lavoro.  Francesca Perna propone anche per la ricerca dell’alloggio un appello in chiesa alla comunità.

Padre Lorenzo passa poi a riferire riguardo alle attività dell’oratorio e di catechesi. Sono riprese le catechesi in presenza. Non ci sono ancora le regole per organizzare il Grest e fino a maggio non si avranno. Per ora si sta cercando il gruppo di volontari da coinvolgere. Il Grest potrebbe essere dal 14/06 al 2/07. C’è anche l’idea di organizzare qualche giorno sia per un piccolo gruppo si per le elementari che per le medie. Agli adolescenti ha proposto una settimana di vacanza/lavoro dal 1 all’8 agosto per cercare anche di richiamare i ragazzi che si sono un po’ persi in questo periodo. La stessa cosa vorrebbe fare a settembre con il gruppo giovani. 

Padre Dino ricorda la cerimonia di Beatificazione di Suor Maria Laura a Chiavenna il 6 giugno per ora tre parrocchiani si sono iscritti per parteciparvi.

Marco Guggiari fa poi presente la richiesta effettuata da qualche parrocchiano di pubblicare il verbale prima dell’approvazione definitiva. Il Consiglio approva la proposta.

Il Consiglio si scioglie alle ore 21.50 per consentire il rientro a casa prima del coprifuoco delle ore 22.00. Si propone di raggiornarsi a giugno.

 

Assenti: Damiano Luigi, Belpietro Chiara, Zaccone Colomba, Marinoni Bruna, Liuzzi Claudio

Il CPP apre alle ore 20.30 e viene svolto presso la Chiesa Parrocchiale di San Giuseppe per consentire l’incontro in presenza nel rispetto delle distanze necessarie per l’emergenza sanitaria in corso. Per permettere comunque anche la partecipazione a distanza ad alcuni membri del consiglio, viene garantito anche l’utilizzo della piattaforma Zoom. 

Dopo il momento di preghiera Padre Dino affronta quale primo punto dell’ordine del giorno la preparazione della Festa di San Giuseppe del 19 marzo 2021 e comunica di aver richiesto al Vescovo la possibilità di far celebrare la messa delle 20.30 del 19 marzo a Mons. Ivan Salvadori e darà conferma in merito. Il Vescovo ha invece già confermato che celebrerà di persona la messa delle ore 10.00 di domenica 21 marzo 2021.

Si ritiene invece opportuno rimandare a data da definire le consuete bancarelle, visto il protrarsi dell’emergenza sanitaria; sarebbe ipotizzabile la data del 19 settembre 2021. Anche il consiglio approva.

Padre Dino sottolinea inoltre la sua intenzione di effettuare dei momenti di preparazione spirituale alla quaresima e alla Festa di San Giuseppe attraverso alcuni incontri di formazione. Non è stato possibile coinvolgere come di consueto Don Cairoli in quanto non ha accettato di effettuare catechesi online. 

L’idea sarebbe quindi quella di mettere in evidenza alcuni venerdì di quaresima mediante i seguenti incontri:

- Il 5/03 incontro con Mauro Magatti sul tema della generatività in San Giuseppe

- Il 12/03 incontro con Don Pietro Bianchi sulla lettera apostolica Patris Corde di Papa Francesco su San Giuseppe

- Il 26/03 incontro con Don Saverio Xeres

Il presente programma è stato anche presentato dal parroco alla diocesi in occasione dell’incontro con il vicariato cittadino. Il Consiglio approva il programma di incontri proposto.

Le Via Crucis sono invece confermate nei venerdì di quaresima alle ore 17.15 e per i due venerdì nei quali non vi sarò l’incontro di catechesi verrà proposta anche una Via Crucis alle ore 20.30.

Viene poi affrontato il tema delle benedizioni alle famiglie. Vista l’emergenza sanitaria e le indicazioni date dalla diocesi sarà impossibile procedere con le benedizioni di casa in casa. Si discutono pertanto alcune proposte alternative. Ne vengono portate alcune dai membri del consiglio: 

- Fra Lorenzo propone di convocare in Chiesa le famiglie per una benedizione e poi consegnare dell’acqua benedetta da portare a casa o consegnarla direttamente inserendola nelle bucalettere delle abitazioni.

- Paola Corti e Marco Guggiari sottolineano come sarebbe opportuno cercare di riuscire comunque a raccogliere delle offerte per le benedizioni.

- Fra Damiano sottolinea che anche per i prossimi anni potrebbe valer la pena riflettere sulla modalità di benedizione di casa in casa visto che ormai molte famiglie non appaiono interessate alla benedizione.

Si accolgono le varie proposte e si valuterà quella che risulterà più fattibile attendendo anche eventuali indicazioni ulteriori da parte della diocesi. 

Si passa poi al punto successivo dell’ordine del giorno che riguarda i lavori necessari e previsti in oratorio. Fra Lorenzo fa presente che sarà necessario sostituire alcune finestre dell’oratorio. Si sta inoltre procedendo alla valutazione del rifacimento della facciata dello stesso. È inoltre da sistemare il bagno presente nei giardinetti e alcune parti del muro perimetrale. Inoltre, sarebbero necessari alcuni lavori per l’agibilità del salone sottostante l’oratorio, oggi ad esempio non agibile ai disabili, e la sistemazione dei gradini che hanno subito dei cedimenti. Elisa Pedretti si sta muovendo per l’ottenimento di alcuni permessi necessari. Padre Dino specifica che i lavori che saranno eseguiti con più urgenza saranno quelli che riguardano la facciata e le finestre, gli altri lavori verranno dilatati nel tempo. Il piano lavori sarà in ogni caso presentato e discusso al consiglio degli affari economici che si incontrerà per la prima volta il 13.02.2021. 

All’interno del punto dell’ordine del giorno “Varie ed eventuali” si chiede poi approvazione dei due verbali precedenti che in questa sede vengono letti e approvati all’unanimità.

Padre Dino fa poi presente che è stato richiesto l’abbattimento delle tuie fuori dalla chiesa per ragioni di sicurezza (evitare che persone possano nascondervisi dietro) ma anche perché spesso vi viene abbandonata spazzatura di vario genere. L’idea sarebbe quella di mettere invece delle piante di lavanda come nell’altro lato della chiesa. Si sono richiesti i permessi per abbattere anche la tuia a ridosso dell’oratorio ma non è stato al momento ottenuto riscontro. 

Padre Dino riferisce che per quanto riguarda Cresime e Comunioni le intenzioni della diocesi, ferma restando la situazione sanitaria in corso, sembrano essere quelle di replicare quanto messo in atto lo scorso anno e dunque procedere ai sacramenti direttamente nelle singole parrocchie. Si avranno in ogni caso informazioni più certe più avanti.

Fra Lorenzo fa presente che la nostra parrocchia a differenza di molte parrocchie della città è riuscita a portare avanti anche le attività di catechismo attraverso piattaforme online mentre il Vicario Don Bollini ha riferito che purtroppo in diocesi la maggior parte dei sacerdoti non è riuscita ad organizzarsi in tal senso. Questo ha permesso di mantenere il contatto e i legami con i nostri ragazzi anche se qualcuno purtroppo non ha aderito alle proposte fatte. 

Per quanto riguarda invece la Caritas, Paola Corti si fa portavoce dell’esigenza di trovare una modalità di raccolta di viveri in quanto non si è potuto procedere con le consuete raccolte alimentari. Paola propone una raccolta fuori dalla chiesa mettendo un pulmino dove caricare i viveri. Purtroppo, però con l’emergenza sanitaria in corso il consiglio valuta rischiosa questa attività che potrebbe essere non approvata dalla diocesi e non compatibile con le normative vigenti. Pertanto, ci si riserva di pensare a modalità alternative come ad esempio una raccolta in denaro se necessaria. 

Padre Dino ricorda che con l’iniziativa della Caritas della prima domenica del mese si raccolgono circa 1000 euro al mese. Fra Damiano ritiene possa rendersi necessario, se non ancora fatto, valutare un limite di famiglie a cui riuscire a dare aiuto. Attualmente sono assistite circa una cinquantina di famiglie.

Padre Dino passa poi a riferire la sua decisione di istituire una mini-commissione, prevista dal regolamento del Consiglio Pastorale, per discutere della possibilità futura di aderire alla richiesta del Vescovo di organizzare una formula di seconda accoglienza; ovvero di provvedere all’aiuto e all’accoglienza di una/due persone, finalizzata, anche attraverso progetti formativi e di lavoro, al loro reinserimento nel contesto sociale. Richiederebbe come membri di questa commissione le seguenti persone: Serenella Tosato, Alberto Mortera, Chiara Favero e Marco Guggiari. Il progetto è tutto da strutturare e è da valutarne la fattibilità. Si interpelleranno anche altre realtà cittadine che stanno già sperimentando questa formula di accoglienza.

 

Il consiglio si scioglie alle ore 21.50 per consentire il rientro a casa prima del coprifuoco delle ore 22.00

 

Il consiglio si tiene in modalità online attraverso la piattaforma ZOOM a causa dell’emergenza sanitaria del Coronavirus e conseguente DPCM che non consente riunioni in presenza.

Il Consiglio si apre alle ore 21.00

ASSENTI: Fra Damiano Ferrario, Balestrini Palma, Belotti Dario, Bianchi Grazia, Caruso Francesco, Damiano Luigi, Monaci Massimiliano, Zoccola Gabriella

1.     Momento di preghiera insieme

Padre Dino conduce il momento di preghiera di apertura.

2.     Lettura e approvazione del verbale della seduta precedente

Si decide di comune accordo e su proposta del parroco di rimandare la lettura e l’approvazione del verbale della seduta precedente alla prima seduta che verrà effettuata in presenza. Si fa presente che un membro del consiglio (Corti Paola) richiede maggiore attenzione alle modalità scelte per le riunioni in quanto non tutti dispongono dei mezzi per il collegamento online. Si tiene conto però che è l’unica modalità al momento utilizzabile viste anche le disposizioni di legge.

3.     Confessioni e Sante Messe per il periodo di Natale

Padre Dino fa presente che i sacerdoti saranno a disposizione per le confessioni di Natale nei giorni del 23 e 24 dicembre dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 17. A fronte della richiesta del Vescovo di non iniziare le S.Messe vigiliari allo stesso orario di quella effettuata in Duomo, la S.Messa vigiliare della nostra parrocchia si terrà alle 20.30. Ci saranno in ogni caso anche la S. Messa prefestiva delle ore 18.00 e le S.Messe del 25/12 secondo gli orari della domenica. Chiara Favero richiede se necessario rafforzare il servizio d’ordine ma padre Lorenzo valuta possano bastare le persone già coinvolte.  Colomba Zaccone chiede invece se non varrebbe la pena pensare ad un numero maggiore di S. Messe, ma Padre Dino risponde che aumentare le celebrazioni risulta difficile in quanto vanno garantiti anche i tempi per le sanificazioni. Inoltre, il pomeriggio di Natale probabilmente verrebbe poca gente. Marco Guggiari propone quanto meno di raccomandare durante le messe delle settimane precedenti di non venire tutti alla messa delle 20.30, ma di cercare di privilegiare anche le altre S.Messe, per evitare di dover respingere troppe persone, considerato che la capienza massima andrà rispettat. Colomba Zaccone propone di valutare un meccanismo di prenotazione ma per quasi tutti i membri del consiglio appare una soluzione poco percorribile. Massimo Stanzione ritiene necessario comunque informare le persone che potrebbe esserci il rischio che qualcuno possa essere respinto e invitato a tornare ad un’altra celebrazione in caso venga raggiunta la capienza massima della chiesa. Tali informazioni almeno entro domenica 20 dicembre andranno rese note negli avvisi parrocchiali. Francesca Perna conferma la possibilità di effettuare una diretta You Tube per la messa delle 20.30.  

4.     Rapporto con il Vicariato

Marco Guggiari relaziona sulla plenaria del Vicariato alla quale ha partecipato in data 24.11. Oltre all’illustrazione del nuovo messale i punti più importanti che sono stati trattati sono stati i seguenti:

-        La proposta di far nascere un’Equipe di Pastorale Giovanile al fine di coordinare gli interventi sul mondo giovanile nei tre vicariati. In questo ambito è tutto da costruire e le tre commissioni cercheranno di lavorarci trasversalmente.

La nascita della Casa della Carità che è stata individuata nella struttura dell’attuale Casa Nazareth delle suore adoratrici. In questa Casa è già stabilito che saranno distribuiti i pasti per circa 150/200 persone bisognose e in più si sta ragionando su progetti di seconda accoglienza e mini-progetti di reinserimento di 1-2 persone.

Padre Dino aggiunge in merito all’attività della Caritas Diocesana l’orientamento ad agire anche con le parrocchie con progetti strutturati, in modo da evitare singoli gesti di aiuto da parte delle persone che spesso presentano anche potenziali rischi, visto che alcune delle persone bisognose presentano anche problemi psichiatrici e dunque vanno gestiti in maniera attenta e consapevole. 

5.     Composizione del nuovo Consiglio Parrocchiale per gli affari economici

Padre Dino comunica che lo statuto del Consiglio degli Affari Economici stabilisce che con l’insediamento del nuovo Parroco vada ricomposto anche il Consiglio e il 31.12 scade il mandato quinquennale del Consiglio stesso. Lo statuto prevede che il CAE sia composto dal Parroco, dal Vicario e da 3/5 fedeli nominati dal Parroco con parere favorevole del Consiglio Pastorale. I membri scelti devono avere le seguenti caratteristiche: essere eminenti, attivi nella parrocchia, capaci di valutazioni e dunque esperti in diritto o economia. I nomi pertanto proposti da Padre Dino sono i seguenti: Anna Rossi, Giancarlo Salvadè, Enzo Nicolini, Andrea Zoccola e Mirella Mallardi.

Il Consiglio Pastorale approva all’unanimità i nominativi proposti da Padre Dino e ringrazia anche i membri dello scorso CAE per il servizio prestato.

 

6.     Varie ed eventuali

Padre Dino fa presente che si è reso necessario elevare la sicurezza della chiesa e della casa parrocchiale in seguito ad alcune effrazioni e furti avvenuti nell’ultimo periodo in chiesa e sagrestia. Pertanto, sono state aggiunte delle inferriate alle finestre, è stata rafforzata la porta di ingresso della casa parrocchiale, verrà istallato un allarme e rafforzata la videosorveglianza. Sono stati comprati anche dei fusti più solidi per la raccolta delle offerte.

Fra Lorenzo comunica che sarà necessario ripulire il campo di calcio dalle foglie cadute in questo periodo. Sergio Frigerio gli chiede come mai non si tratti di una mansione di cui si occupano i ragazzi scelti per la gestione del campo, ma Padre Lorenzo fa presente che tale compito non è negli accordi presi con i ragazzi. Pertanto, andrà attivato qualche altro giovane.

Fra Lorenzo fa inoltre presente che ha intenzione di organizzare la consegna della Luce di Betlemme il 23/12 alle ore 20.30 in Chiesa per bambini e adulti.

Bruna Marinoni relaziona sulla Caritas Parrocchiale. Fa presente che attualmente vengono aiutate circa 52 famiglie (144 persone circa). Grazie ad una donazione è stato possibile regalare i panettoni alle famiglie e sono arrivate anche delle scatole con libri/giochi/saponi divise per età e per sesso. E’ stato inoltre possibile reperire dei giocattoli da regalare a tutti i bambini. Per alcune famiglie si è richiesto l’aiuto del fondo diocesano attivato per chi ha perso il lavoro. Si sta cercando anche di ottenere dal comune i buoni acquisto del supermercato ma la procedura di richiesta è molto complessa e farraginosa.

Colomba fa presente che un’Associazione di Lezzeno, che ha fornito di recente una sedia a rotelle a una persona che aveva fatto richiesta per tramite della Caritas, si è resa disponibile a fornire alla nostra parrocchia, al bisogno, carrozzine, pannoloni e deambulatori.

Il consiglio si chiude alle ore 22.15 e la data del prossimo consiglio viene fissata al 2/02/2021 in modalità online attraverso ZOOM.

VERBALE DEL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE DEL 01.10.2020

Il consiglio si apre alle ore 21.00

ASSENTI: Grigioni Carlo, Magatti Marica, Monaci Massimiliano e Zoccola Gabriella

1.     Momento di preghiera insieme 

2.     Lettura e approvazione del verbale della seduta precedente

Il verbale viene approvato all’unanimità dandone lettura constatando anche che purtroppo la maggior parte delle iniziative programmate sono state annullate causa emergenza Covid. 

3.     Presentazione della nuova fraternità e dei membri del Consiglio Pastorale

Si presentano Padre Dino Franchetto (nuovo Parroco) e Fra Damiano Ferrario (nuovo Padre Guardiano della Fraternità). In seguito, a turno si presentano anche i singoli membri del Consiglio Pastorale presenti.

4.     Consegna del documento della Congregazione per il Clero “La conversione pastorale della comunità parrocchiale al servizio della missione evangelizzatrice della Chiesa

Padre Dino consegna ai singoli membri del Consiglio Pastorale il documento della Congregazione per il Clero “La conversione pastorale della comunità parrocchiale al servizio della missione evangelizzatrice della Chiesa” suggerendone la lettura (almeno delle prime 30 pagine) al fine di meditare sulle linee guida del Papa relative alla vita in parrocchia. Invita a riflettere sul cambiamento epocale che stiamo vivendo e che sta comportando anche un mutamento nel modo di vivere la parrocchia; cambiamento che impone un interrogarsi su quali nuovi processi avviare e come utilizzare gli spazi parrocchiali. Ricorda inoltre il richiamo anche di don Bollini e del Vescovo di Como a vivere una “pastorale d’insieme” in città.  Inoltre, invita alla riflessione riguardo a due aspetti:

-        La nostra conversione: sfida da perseguire a livello comunitario

-        La conversione delle strutture: non lasciare che le strutture vivano una lenta morte

L’obiettivo deve essere pensare a nuove dimensioni di fede e di incontro.

5.     Rapporto con il Vicariato: si fa il punto con Marco Guggiari sulla Commissione Territorio del Vicariato e con Francesca Perna per la Commissione Liturgia

Marco Guggiari fa presente che Il Consiglio Pastorale Vicariale di Como centro lavora per il Sinodo, la cui data d’inizio è stata il 12 gennaio 2020. Include la maggior parte delle parrocchie di Como, più Brunate. Lavora con tre modalità: in sede plenaria, con una quarantina di delegati laici dai parroci e con i rappresentanti consacrati; in équipe, per elaborare e dare organicità al lavoro delle Commissioni; in sede di Commissione (tre Commissioni: Territorio, Evangelizzazione, Liturgia).

La prima riunione del nuovo Consiglio Pastorale Vicariale, presieduto da don Andrea Messaggi, si è tenuta il 23 ottobre 2018. L’ultima, prima del lockdown e della sospensione di ogni riunione, è stata fatta il 18 febbraio 2020.

Per quanto riguarda la Commissione Territorio, essa ha un oggetto molto ampio. È stato infatti stabilito che abbia come ambito della propria attività l’attenzione alla realtà sociale della città mediante:

-        Il raccordo con la Caritas cittadina e con le altre realtà cristiane dedite alla carità

-        Il raccordo con i movimenti ecclesiali e le diverse realtà aggregative cristiane presenti in città

-        L’attenzione al mondo della cultura

-        L’attenzione al mondo della scuola e dell’università

-        L’attenzione alle strutture sanitarie del Vicariato e alle realtà di sostengo di malati e disabili

-        L’attenzione al mondo dello sport

Il 4 giugno 2019, la Commissione guidata da Giovanni Giambattista (Parrocchia del Crocifisso) ha specificato alcune priorità da sviluppare nel corso dell’anno pastorale:

-        Il rapporto dei giovani con la Carità e le conseguenti attività

-        Il rapporto del mondo ecclesiale con la realtà sociale della città anche in relazione con le associazioni

-        La tematica dell’accoglienza e il rapporto della comunità cristiana con la realtà politico-istituzionale del Comune di Como

-        Il senso del perdono tra le persone e i gruppi sociali a partire dalla misericordia di Dio

Si è iniziato a lavorare lungo alcune di queste piste e, in particolare:

-        Con l’analisi della realtà giovanile, dalla quale sono emerse criticità: la presenza limitata di gruppi giovanili, o la loro mancanza totale in alcune parrocchie; la scarsa frequenza alle messe domenicali, al di fuori di quelle espressamente dedicate alla catechesi ordinaria; la scarsa accoglienza delle proposte di coinvolgimento nelle attività parrocchiali perché altre iniziative risultano più attraenti. L’ambito giovanile è stato oggetto di un questionario messo a punto dall’equipe e rivolto a tutti i Consigli Pastorali Parrocchiali. Lo scopo era la conoscenza dell’universo giovanile. Alcuni quesiti però sono risultati di difficile approccio nelle risposte (es: quanti lavoratori, quanti studenti universitari e così via).

-        Con un percorso di conoscenza avviato tra le realtà caritative operanti sul territorio e con altre realtà aggregative in vista di tavoli permanenti di lavoro. Qui, a livello più generale, oltre la Commissione Territorio, si è innestata la riflessione sulla Casa della Carità, una proposta e un desiderio del vescovo Oscar Cantoni che chiede e lascia al Consiglio Vicariale il compito di definirla nelle caratteristiche e funzioni.

Francesca Perna fa invece presente che la Commissione Liturgica nasce essenzialmente per coordinare meglio i calendari delle parrocchie ed evitare la sovrapposizione degli incontri. Inoltre, l’obiettivo era anche quello di arrivare ad organizzare delle celebrazioni vicariali che vista la situazione contingente ancora non sono state realizzabili. Sarebbe dovuta partire anche la formazione di nuovi ministri dell’eucarestia ma al momento è stata rinviata. Francesca negli incontri precedenti ha riportato in commissione alcuni eventi della nostra parrocchia al fine anche di pubblicizzarli e aumentare i partecipanti. Nell’ultimo incontro della commissione si sarebbero anche dovuti coinvolgere alcuni giovani tra i 18 e i 30 anni ma non sono stati effettuati incontri successivi causa Covid.

 

6.     Aggiornamenti sulle attività dell’Oratorio, del Consiglio dell’Oratorio, del NOI e del Campo Sportivo

Fra Lorenzo comunica che vista l’emergenza Covid le attività dell’oratorio sono riprese parzialmente. Si è data priorità alla ripresa del catechismo iniziato il 15/09 con aule organizzate secondo le disposizioni di legge. È stato scelto di fissare i sacramenti a dicembre. Questo ha generato qualche malcontento tra alcuni genitori che avrebbero preferito recuperare le settimane mancanti e fissare prima i sacramenti. La scelta dei frati è stata però quella di svolgere una formazione dei ragazzi più completa e mantenere la data a dicembre. È in partenza a breve anche il catechismo dei bambini di prima elementare. Anche le messe stanno avendo nuovamente bambini e buoni numeri a differenza di molte parrocchie in città che hanno visto diminuire drasticamente le presenze alle celebrazioni liturgiche. Per il resto i locali dell’oratorio stanno ospitando qualche altro gruppo e qualche assemblea condominiale. Si potrebbe riaprire l’oratorio ai bambini ma per ora si è scelto di non farlo. Il consiglio dell’oratorio è invece fissato il 06.10.2020. Quest’estate è stato possibile fare il Grest e anche andare in montagna con i ragazzi ed è andato tutto bene. Per la vacanza abbiamo avuto anche una sovvenzione dal Comune.

Angelo Noseda spiega invece le novità del NOI. Fa presente che prima del NOI è nato il Circolo San Giuseppe nel 1989 da una trentina di famiglie che volevano continuare a collaborare e incontrarsi in parrocchia in seguito ad un’esperienza di campeggio vissuta insieme. Il Circolo era nato con fine ricreativo con l’idea di coinvolgere le famiglie in progetti parrocchiali, feste, eventi culturali tutto connotato da uno spirito di amicizia e nello spirito cristiano. Oggi il Circolo è entrato a far parte dell’Associazione NOI che è lo strumento a disposizione delle parrocchie anche per gestire la fiscalità del Circolo. La nostra associazione conta 133 iscritti e il numero degli iscritti contribuisce anche in termini di contributi a cui è possibile accedere. Il 5x1000 a favore della parrocchia ha inoltre portato l’anno scorso a ottenere 8.000 euro. Il 27.10 si terrà l’assemblea straordinaria del NOI per eleggere il nuovo consiglio direttivo.

Per quanto riguarda il campo sportivo Sergio Frigerio comunica invece che il campo è attualmente in uso e dovrebbero iniziare i campionati CSI. Padre Dino riferisce che il campo è stato dato a titolo di comodato d’uso gratuito anche al mattino alle classi del setificio. Ricorda inoltre che con il tempo il campo dovrà subire delle manutenzioni che ammonteranno ad un importo rilevante e dunque bisognerà pensare anche a come mettere da parte questa cifra. Dovranno inoltre essere realizzate delle mensole negli spogliatoi e sarà da valutare l’acquisto di un trattorino per la manutenzione del manto. È stata anche assunta a tempo indeterminato una signora che si occupa della pulizia dell’oratorio e degli spogliatoi. Padre Dino riferisce che all’inaugurazione del campo sportivo è stata anche invitata la Fondazione Cariplo che ha già dato settanta degli ottanta milioni previsti dal bando vinto e ha mostrato molto apprezzamento per la realizzazione e la finalità.

7.     Proposte per l’avvento

Padre Dino comunica che sono confermate le catechesi con Don Marco Cairoli che dovrebbero aver luogo in chiesa il 03/12 e il 10/12 alle ore 21.00

Il 29/11 dovrebbero aver luogo le prime confessioni e il 13/12 le comunioni e le cresime

8.     Varie ed eventuali

Bruna Marinoni riferisce che per quanto concerne l’attività della Caritas, la distribuzione delle spese alimentari alle famiglie non si è mai interrotta. Non c’è stata, per un periodo, la raccolta economica ma la Provvidenza è arrivata comunque attraverso due donazioni importanti con le quali si sono anche potuti ottenere buoni acquisto e buoni libro. Le famiglie sono aumentate e sono arrivate a circa una cinquantina a causa di alcune persone che hanno perso il lavoro in questo periodo. Per circa 25 famiglie si è anche provveduto a richiedere sovvenzioni attraverso il fondo diocesano stanziato per la perdita di lavoro anche irregolare. Tutte le attività si sono sempre svolte in concerto con Porta Aperta e il Centro di Ascolto. Purtroppo, a livello cittadino permangono grosse problematiche per le mense e i dormitori. Si sta pensando anche di tentare di avviare dei piccoli nuclei abitativi presso le parrocchie. Nella nostra parrocchia sarà sospesa la distribuzione dei sacchetti ai poveri a pranzo in quanto potrebbero esserci problemi di natura normativa.

Matteo Roncoroni fa presente che il corso fidanzati inizierà il 28/11 con tre coppie.

Per quanto riguarda l’OFS invece è stata eletta la nuova ministra e si è tenuto un primo incontro con Fra Damiano il 18/10 e il tema dell’anno sarà “Abitare le distanze”.

Paola Corti invece comunica che il Gruppo di preghiera di Padre Pio ha compiuto un anno e gli incontri procedono ogni secondo lunedì del mese.

Padre Dino ricorda anche l’adorazione dell’ultimo venerdì del mese.

 

Il consiglio termina alle ore 22.40 e si fissa come nuova data per il prossimo incontro l’11/12/2020.

 

 

PARROCCHIA SAN GIUSEPPE – COMO

VERBALE DEL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE DEL 28.01.2020

Il consiglio si apre alle ore 21.00

ASSENTI: Fra Andrea Cassinelli, Belotti Dario, Grigioni Carlo, Magatti Marica, Marinoni Bruna, Monaci Massimiliano, Roncoroni Matteo, Stanzione Massiimo

VERBALE DEL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE DEL 23 SETTEMBRE 2019

VERBALE DEL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE DEL 25/6/2019

VERBALE DEL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE DEL 6 MAGGIO 2019

PARROCCHIA DI SAN GIUSEPPE - COMO

VERBALE DEL CONSIGLIO PASTORALE DEL 29 GENNAIO 2019

Pagina 1 di 3

Prossimi eventi

Lug
31

31.07.2021 - 01.08.2021
raccolta adozioni a vicinanza

Ago
1

01.08.2021 - 08.08.2021
ADO settimana in oratorio

Ago
9

09.08.2021 20:30 - 21:30
Gruppo di preghiera S.Pio

Ago
15

15.08.2021
Assunzione

Ago
15

15.08.2021
Ferragosto

Informazioni veloci

Attorno all'altare

Privacy Policy di http://www.sangiuseppecomo.it
Questa Applicazione raccoglie alcuni Dati Personali dei propri Utenti.
Tipologie di Dati raccolti
Fra i Dati Personali raccolti da questa Applicazione, in modo autonomo o tramite terze parti, ci sono: Cookie e Dati di utilizzo.
Altri Dati Personali raccolti potrebbero essere indicati in altre sezioni di questa privacy policy o mediante testi informativi visualizzati contestualmente alla raccolta dei Dati stessi.
I Dati Personali possono essere inseriti volontariamente dall'Utente, oppure raccolti in modo automatico durante l'uso di questa Applicazione. L'eventuale utilizzo di Cookie – o di altri strumenti di tracciamento – da parte di questa Applicazione o dei titolari dei servizi terzi utilizzati da questa Applicazione, ove non diversamente precisato, ha la finalità di identificare l'Utente e registrare le relative preferenze per finalità strettamente legate all'erogazione del servizio richiesto dall'Utente.
Il mancato conferimento da parte dell'Utente di alcuni Dati Personali potrebbe impedire a questa Applicazione di erogare i propri servizi. L'Utente si assume la responsabilità dei Dati Personali di terzi pubblicati o condivisi mediante questa Applicazione e garantisce di avere il diritto di comunicarli o diffonderli, liberando il Titolare da qualsiasi responsabilità verso terzi.
Modalità e luogo del trattamento dei Dati raccolti
Modalità di trattamento
Il Titolare tratta i Dati Personali degli Utenti adottando le opportune misure di sicurezza volte ad impedire l'accesso, la divulgazione, la modifica o la distruzione non autorizzate dei Dati Personali.
Il trattamento viene effettuato mediante strumenti informatici e/o telematici, con modalità organizzative e con logiche strettamente correlate alle finalità indicate. Oltre al Titolare, in alcuni casi, potrebbero avere accesso ai Dati categorie di incaricati coinvolti nell'organizzazione del sito (personale amministrativo, commerciale, marketing, legali, amministratori di sistema) ovvero soggetti esterni (come fornitori di servizi tecnici terzi, corrieri postali, hosting provider, società informatiche, agenzie di comunicazione) nominati anche, se necessario, Responsabili del Trattamento da parte del Titolare. L'elenco aggiornato dei Responsabili potrà sempre essere richiesto al Titolare del Trattamento.
Luogo
I Dati sono trattati presso le sedi operative del Titolare ed in ogni altro luogo in cui le parti coinvolte nel trattamento siano localizzate. Per ulteriori informazioni, contatta il Titolare.
Tempi
I Dati sono trattati per il tempo necessario allo svolgimento del servizio richiesto dall'Utente, o richiesto dalle finalità descritte in questo documento, e l'Utente può sempre chiedere l'interruzione del Trattamento o la cancellazione dei Dati.
Finalità del Trattamento dei Dati raccolti
I Dati dell'Utente sono raccolti per consentire al Titolare di fornire i propri servizi, così come per le seguenti finalità: Visualizzazione di contenuti da piattaforme esterne, Statistica e Interazione con social network e piattaforme esterne.
Le tipologie di Dati Personali utilizzati per ciascuna finalità sono indicati nelle sezioni specifiche di questo documento.
Dettagli sul trattamento dei Dati Personali
I Dati Personali sono raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi: Interazione con piattaforme esterne, contatto via email
Statistica
Visualizzazione di contenuti da piattaforme esterne Ulteriori informazioni sul trattamento Difesa in giudizio I Dati Personali dell'Utente possono essere utilizzati per la difesa da parte del Titolare in giudizio o nelle fasi propedeutiche alla sua eventuale instaurazione, da abusi nell'utilizzo della stessa o dei servizi connessi da parte dell'Utente. L'Utente dichiara di essere consapevole che il Titolare potrebbe essere richiesto di rivelare i Dati su richiesta delle pubbliche autorità.
Informative specifiche
Su richiesta dell'Utente, in aggiunta alle informazioni contenute in questa privacy policy, questa Applicazione potrebbe fornire all'Utente delle informative aggiuntive e contestuali riguardanti servizi specifici, o la raccolta ed il trattamento di Dati Personali.
Log di sistema e manutenzione
Per necessità legate al funzionamento ed alla manutenzione, questa Applicazione e gli eventuali servizi terzi da essa utilizzati potrebbero raccogliere Log di sistema, ossia file che registrano le interazioni e che possono contenere anche Dati Personali, quali l'indirizzo IP Utente.
Informazioni non contenute in questa policy
Maggiori informazioni in relazione al trattamento dei Dati Personali potranno essere richieste in qualsiasi momento al Titolare del Trattamento utilizzando le informazioni di contatto.
Esercizio dei diritti da parte degli Utenti
I soggetti cui si riferiscono i Dati Personali hanno il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell'esistenza o meno degli stessi presso http://www. sangiuseppecomo.it, di conoscerne il contenuto e l'origine, di verificarne l'esattezza o chiederne l'integrazione, la cancellazione, l'aggiornamento, la rettifica, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei Dati Personali trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento. Le richieste vanno rivolte al Titolare del Trattamento. Questa Applicazione non supporta le richieste "Do Not Track". Per conoscere se gli eventuali servizi di terze parti utilizzati le supportano, consulta le loro privacy policy.
Modifiche a questa privacy policy
http://www. sangiuseppecomo.it si riserva il diritto di apportare modifiche alla presente privacy policy in qualunque momento dandone pubblicità agli Utenti su questa pagina. Si prega dunque di consultare spesso questa pagina, prendendo come riferimento la data di ultima modifica indicata in fondo. Nel caso di mancata accettazione delle modifiche apportate alla presente privacy policy, l'Utente è tenuto a cessare l'utilizzo di questa Applicazione e può richiedere al Titolare del Trattamento di rimuovere i propri Dati Personali. Salvo quanto diversamente specificato, la precedente privacy policy continuerà ad applicarsi ai Dati Personali sino a quel momento raccolti.
Informazioni su questa privacy policy
sangiuseppecomo.it è responsabile per questa privacy policy.
Questa informativa privacy riguarda esclusivamente questa Applicazione.